Ayurveda

CHE COS’E’ L’AYURVEDA

L’Ayurveda è un sistema medico incentrato sulla salute e sull’individuo, non sulla malattia, usando il triplice approccio, Massaggi/ Trattamenti, Alimentazione, Erboristeria. La natura è vita, è gioia, è armonia, è ordine, è intelligenza e l’uomo è parte di essa. L’invecchiamento precoce, la degenerazione, la malattia, sono l’espressione ed il risultato molte volte del Pragyaparad = Errore di discriminazione della mente the ci porta a scegliere per noi stessi cibi inadatti, relazioni e abitudini di vita involutive. Scopo dell’ Ayurveda è prevenire e curare le malattie, favorire la longevità, migliorare la qualità della vita promuovendo una maggiore consapevolezza di se, dell’altro e dell’ambiente circostante.

Origini: l’Ayurveda è probabilmente il piu’ antico e completo sistema medico del mondo. Di essa abbiamo alcuni riferimenti scritti, la cui datazione è fatta risalire a 2500 – 3000 anni prima di Cristo. Sappiamo peraltro che, prima di allora, era stata tramandata come insegnamento orale da generazione a generazione per circa 2000 anni.
La parola Ayurveda deriva dai termini sanscriti Ayur = Vita, inteso come periodo che va dalla nascita alla morte e Veda = scienza o Conoscenza. Essa quindi la scienza della vita, intesa come insieme integrato ed armonico di corpo, mente e spirito.
Principi filosofici
La vita, in quanto microcosmo riflette l’ordine e la perfezione del macrocosmo e, in ultima istanza, non è altro che espressione di Athman – e di pura consapevolezza unite. D’altra parte, tale unione “immanifesta”, per rivelarsi e rendersi manifesto ai nostri organi di senso, necessita di una molteplicità resa possibile dall’azione dei Dosha.
Dosha
II termine Dosha deriva dal sanscrito bushanat = Impuritet e sta ad indicare il necessario ” velo materico” che consente ai nostri organi di senso di percepire la molteplicità dell’esistenza. I Dosha sono tre: Vata (Etere + Aria), Pitta (Acqua + Fuoco) e Kapha (Acqua + Terra), ed ognuno di essi presenta delle caratteristiche peculiari che riflettono la loro composizione elementare. Vata, ad esempio, è leggero, sottile, secco, mobile, ruvido e freddo. Pitta è caldo, acuto, acido, piccante, liquido, ha cattivo odore ed è leggermente untuoso. Infine Kapha è lento, pesante, freddo, stabile, morbido, untuoso, dolce.
Macrocosmo
Tali principi che governano il macrocosmo entrano a far parte della nostra costituzione individuale Microcosmo e presiedono ad un corretto funzionamento della nostra fisiologia.
Sei inquieto e mentalmente un po’ irritabile? Soffri di stipsi o hai difficolta ad addormentarti la sera? Probabilmente sei un tipo Vata o, in questo momento, c’e Vata squilibrato. Sei un po’ collerico e/o vai soggetto a gastriti, coliti, prostatiti, faringiti ed in genere hai problemi di infiammazione acuta? Allora sei un tipo Pitta o, in questo momento, c’è Pitta squilibrato.
Ti senti piuttosto demotivato, fai fatica ad entusiasmarti, sei sovrappeso, le feci sono morbide e piuttosto grasse? C’e Kapha da riequilibrare in questo momento nella tua persona. Vata, Pitta e Kapha nella medicina Ayurvedica esprimono rispettivamente il principio del movimento, della trasformazione e del calore, della coerenza della struttura. Naturalmente ognuno di noi in una miscela di Vata, Pitta e Kapha e questo lo si desume dalle nostre caratteristiche e predisposizioni fisiche, mentali e spirituali. La salute secondo L’Ayurveda è uno stato in cui, i Dosha sono perfettamente in equilibrio, l’individuo percepisce uno stato di beatitudine attraverso la pacificazione della mente e dei sensi. In accordo con I’Ayurveda la vita è un percorso di crescita individuale in armonia con il mondo che evolve continuamente. Questa è la ragione per cui certi cibi o abitudini possono essere adatti in alcuni periodi della nostra vita ed in altri no. E come lo stesso cibo possa essere nettare per una persona e veleno per un’altra. Da qui, in una mirabile sinfonia che si articola attraverso le correlazioni tra i sapori, i suoni, i colori, gli odori, e tutto cio’ che possiamo sperimentare con gli organi di senso e la mente, si disegna la partitura dell’Ayurveda, un viaggio meraviglioso ed affascinante dentro noi stessi ed oltre noi stessi.

Prof. Diego Navarro

Post navigation